Inserimento del secondo gatto: come procedere

Inserimento del secondo gatto: come procedere

Ultimo aggiornamento: 18 Luglio, 2022

L’inserimento del secondo gatto in famiglia è un momento importante e delicato, per cui ci vuole un po’ di pazienza. All’inizio, infatti, potrebbero esserci delle difficoltà di adattamento, ma è bene sapere che è solo il primo periodo ad essere più impegnativo. In genere, infatti, le divergenze tra i due gatti i si risolvono gradualmente e senza problemi. Vediamo insieme come procedere.

L’inserimento del secondo gatto è un evento a cui bisogna dedicare tempo e attenzioni. Il primo consiglio, infatti, è quello di adottare il secondo amico a quattro zampe in un periodo in cui si riesce a dedicare ai due pelosi di casa molta attenzione. Questo è importante ai fini di una buona socializzazione ed una veloce integrazione dell’ultimo arrivato. Decidere di adottare un altro gatto è emozionante, ma non scoraggiarti se non tutto va come vorresti, all’inizio. È necessario, infatti, che i due gatti si abituino gradualmente uno alla presenza dell’altro, imparando a conoscere i rispettivi odori. Vediamo insieme come è meglio procedere.

La visita dal veterinario

Quando decidi di introdurre un altro gatto in casa, pensa di fare una prima tappa dal veterinario, soprattutto se il cucciolo è un trovatello o proviene da un gattile. Questo è consigliato per assicurarti che sia sano e che non abbia malattie contagiose, che potrebbe trasmettere al gatto che vive già in casa. Se dovesse risultare positivo alle Felv o alla Fiv del gatto, ad esempio, è bene non allarmarsi: i due gatti possono convivere, ma saperlo ti permetterà di prendere i dovuti accorgimenti. È bene anche controllare che il micio non abbia pulci, zecche, rogna, tigna, acari o altri parassiti, che potrebbe passare all’altro gatto. Nel caso di presenza di parassiti, è bene usare prodotti specifici, che agiscono in 24/48 ore.

Offerta
Frontline Combo, 6+3 Pipette, Antiparassitario per Gatti, Gattini...
8.631 Recensioni
Frontline Combo, 6+3 Pipette, Antiparassitario per Gatti, Gattini...
  • TRATTAMENTO OTTIMALE: elimina in modo rapido e duraturo pulci, zecche, pidocchi; combatte l'infestazione in atto e protegge da nuove infestazioni; protegge il gatto, furetto e l'ambiente in cui...
  • DURATA: un'unica applicazione protegge per 1 mese
  • FACILE E PRATICO DA USARE: Aprire i peli alla base del collo, sul dorso dell'animale, tra le scapole, e mettere in evidenza la pelle; porre l'apice della pipetta sulla pelle e schiacciare la pipetta...

L’arrivo a casa del secondo gatto

L’arrivo di un gatto in famiglia è un momento importante e impegnativo, anche se in casa ce n’è già un altro. È vero, alcune cose sono più semplici, proprio perché la famiglia è già abituata a gestire un pelosetto, ma ci sono delle cose nuove da affrontare. L’inserimento del secondo gatto richiede pazienza e attenzione ed è normale che, nella prima fase, ci sia qualche sibilo da parte di entrambi i gatti. Pensa che non si conoscono, il nuovo arrivato potrebbe sentirsi disorientato. Appena arrivato a casa con il secondo gatto, quindi, fai attenzione a non lasciare soli i due mici: potrebbe verificarsi una lite. Durante i primi momenti di conoscenza, favorisci il contatto visivo e olfattivo tra i due gatti in modo graduale, lasciandoli a distanza tra loro. Questa distanza, infatti, permetterà loro di non mettersi sulla difensiva, favorendo un rapporto di fiducia e tolleranza.

L’inserimento del secondo gatto: i primi giorni

Durante i primi giorni, è opportuno tenere separati i due gatti. Prima di portarlo a casa, dunque, pensa già a dove sistemarlo, preparando per lui un posto della casa silenzioso, tranquillo, con una cuccia e dei giochini. Lascia i due gatti separati, soprattutto se devi uscire e restare più ore fuori casa. In questo modo, eviterai possibili liti e la preoccupazione di sapere che i due gatti potrebbero farsi male. Nella stanza in cui hai deciso di lasciare il secondo gatto, sistema anche ciotole e lettiera. Scegli, tra le ciotole per gatti, quelle più adatte all’età del cucciolo e una lettiera per gatto non profumata, per non interferire con i nuovi odori. Durante i primi giorni, potrai notare i gatti annusare la porta, girare per le rispettive stanze e avere un atteggiamento diffidente. Tutto ciò è normale, entrambi devono abituarsi ai nuovi odori e accettare, gradualmente, la presenza dell’altro.

Croci Lettiera Eco Clean 10 L - Lettiera Gatti agglomerante,...
4.832 Recensioni
Croci Lettiera Eco Clean 10 L - Lettiera Gatti agglomerante,...
  • CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: Lettiera per gatti Eco Clean, dimensione 10L
  • ANTIODORE: La lettiera Eco clean inibisce la formazione di ammoniaca, responsabile del cattivo odore
  • SICURA E NATURALE: è prodotta esclusivamente con elementi naturali, a base di soia, quindi ecologica e sicura per l'ambiente e per i tuoi animali

I primi contatti diretti

Dopo le prime fasi, che non hanno la stessa durata per tutti, puoi passare ai contatti diretti. Come fare a capire quando i gatti sono pronti per fare un passo avanti? Dopo i primi momenti passati ad annusare i rispettivi odori, che loro sentono anche stando in due stanze separate, i mici iniziano a stare più tranquilli. Questo puoi notarlo dal loro comportamento, dalla loro postura e dai loro atteggiamenti. Quindi, quando pensi che siano pronti, e questo può accadere sia dopo un giorno che dopo una settimana, inizia a farli avvicinare in modo graduale. Durante questi momenti di interazione, è meglio che ci sia sempre tu a supervisionare la situazione, magari non facendoli avvicinare troppo o separandoli, anche battendo le mani, quando vedi che la situazione si fa tesa.

Niente forzature

Una delle cose che non vanno fatte è forzare il contatto tra i due gatti. Ricorda che l’inserimento del secondo gatto è un momento di adattamento per entrambi, non solo per il nuovo arrivato. I due mici, quindi, devono essere lasciati liberi di comportarsi come sentono, senza essere forzati ad annusarsi, a guardarsi o ad interagire. Una cosa che potrebbe dare loro fastidio, ad esempio, è essere tenuti in braccio e fatti avvicinare uno all’altro. Questo gesto potrebbe essere interpretato in modo negativo e i gatti potrebbero anche reagire con aggressività. Un’altra cosa da evitare è lasciare nel trasportino il nuovo arrivato, permettendo al primo gatto di girargli intorno e annusarlo dall’esterno. In questo modo, infatti, il secondo micio potrebbe spaventarsi ancora di più e predisporsi male all’inserimento.

L’inserimento di un gatto adulto

Non è sempre vero che un gatto cucciolo si adatta più facilmente rispetto ad uno anziano. In genere, infatti, si sceglie di adottare un secondo gatto cucciolo perché si pensa che sia più semplice farlo abituare alla presenza di un altro gatto in casa. Questo può accadere, ma a volte può essere più semplice l’inserimento di un gatto adulto che di un cucciolo. La situazione, quindi, è assolutamente soggettiva e dipende da molti fattori. A volte un gatto cucciolo può avere problemi a socializzare perché è stato allontanato troppo presto dalla madre e dai fratelli; a volte, invece, un gatto adulto può inserirsi più facilmente perché già abituato a condividere gli spazi con altri gatti. In conclusione, se stai pensando di adottare un secondo gatto, non limitare la tua scelta per la preoccupazione dell’inserimento: con un po’ di pazienza, tutto andrà bene.

Il momento di lasciarli da soli

Dopo qualche giorno, o qualche settimana, a seconda dei casi, arriva il momento di lasciare i due gatti da soli, anche perché non puoi passare tutto il tempo a sorvegliarli. Ovviamente, effettua questo passaggio in modo graduale, quando sei sicuro che tra i due non si scatenino più liti furiose! Quando li lasci da soli, assicurati che abbiano tutto il necessario per le loro necessità. È importante, infatti, che abbiano cibo e acqua a sufficienza, magari in scodelle separate. Anche le lettiere dovrebbero essere due. Questo perché i gatti sono animali territoriali e potrebbero non voler fare i bisogni nella stessa lettiera. Inoltre, avendo due lettiere non c’è il rischio che la sabbiolina si sporchi troppo, con il risultato di ritrovare qualche bisogno sul pavimento! Infine, lascia dei giochini in giro, così che possano distrarsi e divertirsi.

GOLDGE Giocattoli per Gatti, Gatto Giocattoli Interattivi Gioco...
1.036 Recensioni
GOLDGE Giocattoli per Gatti, Gatto Giocattoli Interattivi Gioco...
  • Contiene 16 Giocattoli: Bacchetta di piume con campane, giocattolo del mouse e palline di vari colori, campane carosello, palle campane, catnip etc. Non tossico, sicuro da usare.
  • Giocattolo Fantastico: Il giocattolo di palle sisal è buono per il gatto a mordere e graffiare; La bacchetta magica e giocattolo di campana possono disegnare immediatamente l'attenzione dei tuoi...
  • Giocare ed Esercitare: Interagire con il tuo gattino per giocare ed esercitare. Perfetto per liberare la energia del gatto.

Conclusioni

In conclusione, l’introduzione del secondo gatto non è difficile, serve solo molta pazienza e molto amore. Non fare l’errore di affrettare i tempi o di pensare che i gatti si comportino come gli uomini. Tutti gli animali hanno bisogno dei loro tempi per ambientarsi ed abituarsi ai cambiamenti. Inoltre, ogni gatto ha un proprio carattere: i modi e i tempi di adattamento sono, perciò, molto soggettivi.

Valutazione: 5.0/5. Da 2 voti.
Please wait...
364 Visualizzazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *