Come far tornare bianco il pelo del cane ingiallito

Come far tornare bianco il pelo del cane ingiallito

Vuoi sapere come far tornare bianco il pelo del cane ingiallito? In questo articolo ti spiegheremo i motivi dell’ingiallimento del pelo nei cani bianchi e come rimediare.

Se sei arrivato fin qui significa che anche tu vuoi scoprire come far tornare bianco il pelo del cane ingiallito. Non preoccuparti, sei nel posto giusto, in questa pagina ti spiegheremo i motivi per cui il pelo del cane bianco tende ad ingiallirsi e come fare per rimediare.

L’ingiallimento del pelo è un problema prevalentemente estetico che hanno la maggior parte dei cani a pelo bianco. Per il cane non è assolutamente un problema, tuttavia potrebbe diventarlo per il padrone in quanto si va a compromettere la bellezza del bianco.

Con il tempo la candida e lucente tonalità di bianco del pelo lascia spazio ad una tonalità che vira verso il giallo-bruno, minando irrimediabilmente l’estetica del manto. Ma c’è un rimedio per far tornare bianco il pelo del cane ingiallito?

Diciamo che la prevenzione è la miglior cura ma, anche quando la situazione sembra irrimediabilmente compromessa, è comunque possibile fare qualcosa per arginare la problematica. Anche se ormai non si potrà tornare al bianco totale sarà comunque possibile avere una regressione dell’ingiallimento.

Ma andiamo per ordine: prima di indicarti il miglior rimedio per questo inestetismo vogliamo spiegarti perché il pelo bianco tende ad ingiallire, le zone più soggette, come agire per evitare l’ingiallimento e come porre rimedio nel caso sia già presente.

Perché il pelo bianco tende ad ingiallirsi

Nei cani dal pelo bianco, maggiormente evidente se di pelo lungo, l’ingiallimento è dovuto all’ossidazione dello stesso. Lacrime, urina, saliva o semplicemente l’acqua portano il pelo ad una progressiva ossidazione virando la tonalità da bianco al giallo fino ad arrivare al rosso brunastro.

Per questo è importante scoprire come far tornare bianco il pelo del cane ingiallito, se possiedi un cane bianco, prima o poi dovrai affrontare anche tu questa problematica antiestetica.



Tutte le sostanze sopracitate contengono al loro interno tracce di ferro, elemento di cui è ben noto il potere ossidativo, per questo le zone del pelo che vengono a costante contatto con qualsiasi elemento contenente ferro tendono a cambiare colore a causa del fenomeno ossidativo.

Maltese, Barbone, Lagotto Romagnolo, Volpino di Pomerania e tutti i cani dal pelo bianco in generale sono soggetti a questo inestetismo, soprattutto se sono inclini a leccarsi parti del corpo come la zona inguinale, le zampe o comunque se restano costantemente umidi in alcune zone.

Le zone più soggette ad ingiallimento

Le zone maggiormente soggette al fenomeno di ingiallimento sono tutte le parti che vengono in costante contatto con una o più sostanze ossidanti. Volendo fare un elenco, le zone maggiormente esposte sono:

  • Contorno occhi
  • Sotto il musetto
  • Zona inguinale
  • Sotto le orecchie
  • Zampe

Nel caso del contorno occhi, il problema deriva da un eccesso di lacrimazione di quest’ultimi. La costante umidità, che investe la parte circostante l’occhio, tende ad ossidare il pelo della zona con conseguente ingiallimento.

Sotto il musetto l’inestetismo si manifesta sopratutto nei cani a pelo lungo. Questo avviene soprattutto perché, durante le bevute quotidiane, il pelo sotto al muso tende a bagnarsi facilmente, rimanendo costantemente umido.

Cane con pelo bianco ingiallito

Nella zona inguinale invece, il problema di ingiallimento del pelo è dovuto principalmente alle operazioni di pulizia. Quotidianamente il cane utilizza la lingua per pulire le zone intime e questo fa si che le zone inguinali entrino in contatto con la saliva.

In questo caso, un altro fattore che innesca l’ossidazione, è il contatto con l’urina. Quando il cane espleta i propri bisogni fisiologici espone il pelo circostante all’urina stessa che, con il tempo, ossida il pelo bianco.

Anche le orecchie non sono immuni da questo fenomeno, soprattutto nei cani con orecchie pendenti. Essendoci poca ventilazione l’umidità tende ad accumularsi facilmente dando il via al progressivo ingiallimento.

Anche le zampe possono essere colpite dal fenomeno di ossidazione del pelo. Soprattutto nei soggetti che tendono a leccarsi o mordersi queste parti del corpo.

Il continuo leccamento della zampa rende la stessa intrisa di salive, innescando così la problematica. Anche se il cane vive fuori può riscontrare lo stesso inestetismo alle zampe, a causa dell’umidità presente all’esterno.

Come far tornare bianco il pelo del cane: rimedio

Fortunatamente in commercio esistono degli shampoo specifici per pelo bianco che possono prevenire e talvolta far regredire l’ingiallimento del pelo. Sono prodotti appositamente studiati e formulati per lo sbiancamento del manto bianco.

Essendo un problema ricorrente nei cani bianchi, le aziende produttrici si sono concentrate nella realizzazione di uno specifico prodotto in grado di arginare e contenere questo sgradevole inestetismo.

Questa è una soluzione che porta effettivamente risultati, il pelo bianco del cane verrà sbiancato già dalla prima applicazione.

Un costante utilizzo potenzierà l’azione sbiancante mantenendo il pelo bello bianco oppure schiarendo le macchie ormai divenute troppo scure.

Sono prodotti molto efficaci, sopratutto in ambito preventivo. Lavando regolarmente il cane con uno shampoo sbiancante manterrai il pelo bianco combattendo così l’ossidazione del manto.

Per questo, alla domanda “come far tornare bianco il pelo del cane ingiallito”, questa è la risposta più concreta.

Purtroppo però, se le macchie sono ormai ben radicate e già tendenti al rosso-brunastro, non esiste rimedio in grado di ripristinare la tonalità originale, tuttavia sarà possibile uno schiarimento netto delle parti interessate, migliorando in ogni caso l’impatto estetico.

Shampoo sbiancante Petpost

Tra i tanti prodotti specifici per manti chiari il migliore è lo Shampoo sbiancante Petpost. Lo affermiamo con sicurezza perché lo abbiamo testato in prima persona e possiamo dire che ci ha piacevolmente sorpreso.

Tra i vari shampoo sbiancanti testati Petpost è stato quello che ha dato risultati migliori sin dal primo utilizzo. Lo sbiancamento del pelo è risultato evidente da subito, riaccendendo il bianco del pelo, schiarendo notevolmente il contorno occhi e la parte inferiore del musetto.

Anche la zona inguinale, ormai ingiallita dal contatto frequente con l’urina e con la saliva, ha subito un’apprezzabile schiarimento. Il Maltese, che si è offerto gentilmente al bagnetto con questo prodotto, è tornato ad una tonalità di bianco degna di nota.

Se volevi sapere come far tornare bianco il pelo del cane ingiallito Petpost è la risposta, indubbiamente.

Offerta
Petpost | Shampoo sbiancante per cani - Il miglior trattamento...
32 Recensioni
Petpost | Shampoo sbiancante per cani - Il miglior trattamento...
  • LA FORMULA SBIANCANTE PIÙ POTENTE di qualsiasi shampoo per cani. Abbiamo speso tanti anni per sviluppare una formula che potesse diventare la preferita dei toelettatori, allevatori e veterinari che...
  • IL FRESCO PROFUMO DI ANGURIA APPENA AFFETTATA farà sì che il tuo cane annuserà meglio di prima! Abbiamo prestato particolare attenzione per essere sicuri non solo che il tuo cane avesse un aspetto...
  • OLIO DI COCCO E ALOE per lenire la pelle secca, irritata e desquamata del tuo cane. Non c'è dubbio che la tua priorità è quella di avere un cane sano e felice. Questa formula con estratti di olio...

Da sottolineare che Petpost è un prodotto completamente naturale. A differenza di altri è privo di solventi, additivi ed è senza candeggina, inoltre è composto da ingredienti di prima qualità tra cui spicca l’olio di cocco, avena, proteine di grano e alone vera.

Elementi nobili che, oltre a sbiancare naturalmente il pelo, rendono il manto morbido, voluminoso e con una fresca e gradevole profumazione d’anguria. Inoltre la sua formulazione migliora potentemente (ed in modo naturale) la salute della pelle e lenisce le aree secche e pruriginose.

Come si utilizza

L’utilizzo di questo shampoo non è diverso rispetto ad altri tipologie. E’ sufficiente procedere ad insaponare il cane con questo prodotto durante il bagnetto, lasciarlo agire per qualche minuto e poi procedere ad un accurato risciacquo.

L’importante è non abusarne. Questo perché un eccessivo utilizzo di shampoo può portare alla secchezza del pelo anche se, oggettivamente, se si acquistano prodotti validi e con la giusta formulazione, l’eventuale problema del pelo secco risulta ottimamente scongiurato.

In ogni caso non è opportuno lavare troppo spesso il cane, i frequenti bagnetti potrebbero alterare il corretto PH della cute con relativa comparsa di problemi dermatologici.

Se sei interessato all’argomento ti suggeriamo di leggere il nostro approfondimento su come rendere morbido e voluminoso il pelo.

Come prevenire l’ingiallimento del pelo bianco

Il miglior rimedio in assoluto è la prevenzione. E’ importante tenere controllato il cane al fine di individuare eventuali situazioni che possono portare all’ingiallimento del manto.

Fondamentale è l’asciugatura tempestiva di tutte le parti del copro che vengono, per una ragione o per l’altra, a contatto con acqua, urina o saliva. Ad esempio in caso di lacrimazione è necessario asciugare le lacrime prima che l’umidità stanzi troppo tempo sul pelo.

Anche quando il cane beve è importante provvedere ad un’accurata e tempestiva asciugatura del musetto in modo da evitare che il pelo resto troppo tempo bagnato.

Stessa cosa vale per l’urina, con l’ausilio di salviette intime bisogna procedere alla pulizia giornaliera della zona in modo che l’acidità della pipì resti il meno possibile a contatto con il pelo del cane.

Invece, nel caso il cane si lecchi o mordicchi costantemente la zampa è importante consultare un veterinario in quanto molto spesso tale atteggiamento deriva da una situazione di disagio che il cane prova in quella parte del corpo.

Anche lo stress (oppure la semplice noia) possono portare il cane a leccarsi compulsivamente la zampa, per questo è importante indagare al fine di correggere questa deleteria abitudine.

Al fine di evitare di doversi chiedere come far tornare bianco il pelo del cane ingiallito anche il bagnetto ha la sua importanza. Lavare il cane troppo spesso può portare alle sviluppo di questa problematica.

Lavarlo con la giusta frequenza e soprattutto procedere ad un’accurata asciugatura del cane è un ottimo metodo per contenere l’inestetismo del manto ingiallito. In merito a questo argomento ti suggeriamo di leggere il nostro approfondimento su come e quanto lavare il cane.



Valutazione: 5.0/5. Da 5 voti.
Please wait...
99 Visualizzazioni

2 commenti su “Come far tornare bianco il pelo del cane ingiallito

  1. Mauro dice:

    Proverò lo shampoo sbiancante suggerito sul mio Maltese che purtroppo ha tutto il pelo macchiato sul musetto. Se riesce almeno a schiarirlo un po’ vi vengo a stringere la mano di persona per ringraziarvi del consiglio!

    • PerPets dice:

      Gentilissimo Sig. Mauro,
      la ringraziamo per il gradito commento e per la sua simpatia.
      Una volta provato shampoo sbiancante suggerito, ci faccia sapere qui le sue impressioni.

      Grazie ancora,
      un cordiale saluto.
      PerPets.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *